I tagli di capelli scalati hanno assunto una nuova luce nella moda autunno e inverno 2013. Usato semplicemente in passato per  mettere i capelli in ordine oggi diventa uno strumento di seduzione incredibile, grazie a due elementi fondamentali:

-La piega

-La frangia.

Iniziamo dalla piega. Le star hanno iniziato a sdoganare i tagli scalati con una piega fuori dall’ordinario liscio. Infatti, il liscio, quando indossato, dona nuovo volume ai capelli, rendendoli setosi e luminosissimi anche se non sono più lunghi. Basta portare le punte verso l’interno: in questo modo l’acconciatura liscia prende corpo senza cambiare più di tanto.

Il taglio scalato, però, è soprattutto una perfetta base per la piega riccia: racchiudendo il vostro taglio in mille boccioli di seduzione, vedrete trasformare una chioma anonima in un look da regina unico nel suo genere. In questo contesto domina la frangia, rigorosamente liscia e bombata per un effetto naturale e di cornice al taglio. Poche sanno, però, che il taglio scalato può assumere diversi look diversi in base a come si taglia, cioè in base alla lunghezza della ciocca che si taglia e alla direzione del taglio.

Il taglio scalato che si vede molto in passerella ultimamente è quello rasato completamente alla nuca e che successivamente va a scalare, mantenendo la lunghezza iniziale, cioè con solo una spuntata, sul davanti. Il classico taglio scalato, invece, ha assunto una nuova variante, sul davanti i capelli sono molto corti e la lunghezza del taglio scalato tende a ridursi al mento, per lasciare il collo libero.

Un altro taglio scalato che ha assunto notevole importanza è il rasato di lato: mentre prima il rasato laterale costringeva le donne a portare per tutta la lunghezza l’altro lato, adesso potete scalare il lato che manteneva la lunghezza, per poterlo meglio abbinare con pieghe che danno mistero e fascino.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>